Nightguide intervista Tia Simone, voce soul strepitosa dell'ensemble di Scott Bradlee, Postmodern Jukebox.

Nightguide intervista Tia Simone, voce soul strepitosa dell'ensemble di Scott Bradlee, Postmodern Jukebox.

In occasione dei loro primi dieci anni di attività tornano in Italia i Postmodern Jukebox con il loro tour Welcome To The Twenties 2.0 World in un appuntamento che li vedrà per la prima volta nella città di Bologna domenica 10 marzo 2019 presso il Teatro Celebrazioni.
Dopo il loro Back In Black & White Tour, la band è pronta a celebrare i suoi dieci anni di musica toccando quasi 250 città, con uno spettacolo che, afferma Scott Bradlee, “promette di portare in giro la buona cultura musicale pop e lo stile senza tempo, la passione per la musica jazz e il talento, in uno show che si distacca dalla finzione che oggi ci propinano la TV e il mondo di internet. Questo è un invito ad una festa sensazionale, in cui vi sentirete negli anni '20, come parte del romanzo Il Grande Gatsby!” Il progetto Postmodern Jukebox è stato avviato da Bradlee nel 2009 e da allora ha registrato milioni di visualizzazioni su YouTube, 1,9 milioni di fan su Facebook e decine di spettacoli sold out. La carovana non si arresta e continua a viaggiare attraverso i cinque continenti portando il suo show ovunque ed invitando i partecipanti a fare un salto indietro nel tempo, un tempo più semplice e spensierato, senza tecnologia e apparecchi che distraggono dalla realtà. La band è composta da musicisti pieni di talento e cantanti eccezionali che faranno vivere al pubblico un'esperienza difficile da dimenticare, spaziando dal pop al rockdallo swing all'R&B, pescando dai grandi classici della musica internazionale.

A partire da questo tour, Tia Simone entra a far parte di questa strepitosa ensemble. 
Tia Simone è una cantante e cantautrice di Los Angeles, originaria di Lansing MI, abile nel destreggiarsi in diversi stili musicali tra cui Rock, Soul, Jazz, Blues, Funk e Gospel.
Nel 2016, Simone è stata una concorrente favorito per la vittoria dell'undicesima stagione di America's Got Talent e ha pubblicato il suo primo EP con gli Sugar Fly. Simone è stata nominata miglior cantante agli Hollywood Music Awards del 2015, dove gli Sugar Fly hanno vinto il Seany Robins Rock Award. 
La vera passione di Tia Simone è cantare e esibirsi dal vivo, ma si esibisce anche come vocalist in studio, voice over artist e cantante su schermo.

Dicono di lei: "Con la potenza di Etta James, la passione di Tina Turner e le prodigiose palle di Bon Scott, Tia Simone spinge il suo registro attraverso la zona di comfort e in quel luogo da cui proviene il lato gutturale dell'anima." - theobelisk.net

Noi di Nightguide abbiamo scelto di incontrare ed intervistare proprio lei in vista della data dei Postmodern Jukebox che si terrà il 10 marzo al Teatro Celebrazioni di Bologna. 
Volevamo avere la visione più fresca e frizzante di questo spettacolo, parlando proprio con l'ultima arrivata. 
Questo è quello che ci ha raccontato in questa intervista esclusiva.



Nightguide. Ciao Tia, è bello poterti intervistare. Tra pochi giorni sarai in Italia per esibirti con il PMJ. Sei eccitata? Hai mai avuto un concerto in Italia?
 
Tia Simone. Ciao Luigi! Grazie mille per avermi ospitato. Questo è il mio primo concerto in Italia e avere la possibilità di esibirmi al fianco di artisti straordinari come PostModern Jukebox è assolutamente un onore. Un sogno che diventa realtà per me esibirmi in Italia. Sono oltremodo entusiasta!

 
NG. È' del 17 febbraio un post sulla pagina ufficiale della band in cui è stato annunciato il tuo ingresso in questa grande famiglia e solo 5 giorni dopo l'elogio per la tua esibizione in scia sui giornali di Cambridge. Bisogna ammettere che questo deve essere un momento fantastico per te, non è vero?
 
TS. Sì. Questo è un momento assolutamente fantastico per me. Essere parte della famiglia PMJ mi ha portato tanta gioia in queste ultime settimane. Sono così felice che Scott Bradlee mi abbia contattato per unirmi a questo fantastico cast per questo European Tour. Posso fare ciò che amo di più ogni sera!

 
NG. Sei una star proveniente da un talent show, America's Got Talent, e l'ensemble di cui fai parte è diventato famoso grazie ai video su Youtube. Cosa diresti a chi dice che i veri artisti non possono uscire da questo tipo di canale?
 
TS. Direi loro che può succedere e come, gente! Se sei un appassionato e ami quello che fai, se hai talento, e se non ti arrendi MAI, per me, non può che funzionare. Non mollare mai, mai. C'è posto per tutti noi in questo mondo. Seguite le vostre passioni!

 
NG. Il tipo di musica con cui ti rapporti è forse uno dei più caratteristici dell'immaginario collettivo che si ha all'estero degli Stati Uniti. Ricorda i tempi in cui l'America era un sogno per il mondo intero; un'era di vere star internazionali. Come ti sei avvicinata a questa musica e cosa provi quando canti certe canzoni?
 
TS. La musica è un linguaggio internazionale e avere la possibilità di condividere con le persone di tutto il mondo le canzoni che canto e ascolta fin da quando sono piccola in America è semplicemente bellissima. Quando canto queste canzoni, riverso tutte le emozioni e le sensazioni che ho in ogni nota e parola, perché è importante. Voglio entrare in contatto con voi e quando vedo il pubblico collegarsi a me è una sensazione indescrivibile.

 
NG. Se non fossi riuscita a emergere come artista, cosa avresti voluto fare? Avevi un piano B?
 
TS. (Ride) Ho fatto molti lavori nel corso degli anni per pagare le mie bollette dal lavoro in fast food, alla baby sitter; ho lavorato alle risorse umane per Oprah. ma cantavo sempre di nascosto perché l'amavo. Ma ora capisco che non esiste il Piano B. Amo cantare e recitare. So che questo è ciò che farò per il resto della mia vita.

 
 
NG. Il PMJ è un'enorme band piena di grandi talenti in cui tutti devono lavorare all'unisono per creare le performance uniche per cui sono famosi. Come ti sei sentita quando ti sei unita a loro?
 
TS. Unirsi a PMJ è stato un onore. Lavorare con questi artisti di talento mi fa sentire una Superstar perché loro sono Superstar! Il tempo, il talento, lo sforzo e la professionalità che tutti mettono in PMJ ogni giorno sono incredibili. Mi fanno venire voglia di essere ogni giorno migliore. Li amo tutti.

 
NG. Com'è stato il tuo primo incontro con Scott Bradlee?
 
TS. Il mio primo incontro con Scott Bradlee è stato piuttosto casuale in realtà. Mi sono fermata a casa sua a Los Angeles per incontrarmi e ci siamo fermati un po', ho sentito la sua storia e mi è subito piaciuto fin dall'inizio. Scott ha il dono di farti sentire a tuo agio e di riconoscerti davvero per quello che sei. Lo apprezzo davvero per questo.

 
NG. Cos'è la musica per te in 3 parole?
 
TS. Gioia. Potere. Anima.

 
NG. Ripensando a quando eri una ragazza che sognava di diventare una star e il percorso che hai fatto finora, quali sono i 3 album che mai potrebbero mancare nella tua collezione e perché?
 
TS. Billie Holiday - Solitude. Questo è stato il primo disco che abbia mai comprato con i miei soldi. Mi sono recato al negozio di dischi per comprarlo e mi sono innamorato di Jazz.

 
Tina Turner - What's Love Got to Do with It. Lei è una Regina. Sono stato influenzata da Tina prima ancora che me ne rendessi conto. Sono cresciuta cantando musica jazz e classica da bambina e mi ha aiutato ad abbracciare il mio lato Rock and Soul che aspettava di essere svegliato.

 
The Beatles - Abbey Road. Per mia madre. È una grande fan e li ha visti esibirsi dal vivo. Questo album mi ricorda solo i bei tempi in cui ero bambina. Mia madre ha un gusto così vario ed eclettico per la musica che è stato trasmesso a me e alle mie tre sorelle. Le sono così grata.


Intervista a cura di Luigi Rizzo.

 
 
 
." - theobelisk.net
 
 

Articoli correlati

Interviste

Nightguide intervista yle...

18/05/2019 | valentina-ceccatelli

  ylenia lucisano è pronta col suo nuovo album, punta da un chiudo in un campo di papaveri, preceduto dal singolo non mi pento. Abbiamo parlato del disco, delle sue...

Interviste

Nightguide intervista sim...

16/05/2019 | luigirizzo

Una lunga chiacchierata e il piacere di assaporare la purezza di un ragazzo non più alle prime arti e che ha scelto un percorso non facile per produrre e difendere la su...

Interviste

Nightguide intervista chr...

14/05/2019 | valentina-ceccatelli

chrysta bell, nome completo chrysta bell zucht, è cantautrice, attrice e modella: musa di david lynch, produce da anni un dream pop che fa da perfetta colonna sonora a...

2445150 foto scattate

16251158 messaggi scambiati

1093 utenti online

1740 visitatori online