Marea & Mietta primi nelle classifiche Jazz: l'intervista ad Andrea Dessì.

Marea & Mietta primi nelle classifiche Jazz: l'intervista ad Andrea Dessì.

I Marea sono un duo italiano di latin jazz, attivo dal 2006 e composto dal chitarrista, compositore e arrangiatore Andrea Dessì e dal polistrumentista, arrangiatore e produttore Massimo Tagliata. ll duo propone un'originale mélange di suoni e generi musicali: musica classica, jazz, swing, blues, folk, pop e musica latina. L'impronta data ai loro lavori è jazzistica ed è essenzialmente dominata dalla fisarmonica istrionica di Massimo Tagliata e dalla chitarra latina di Andrea Dessì, strumenti per cui entrambi i musicisti vengono considerati dei virtuosi. Il set sonoro viene arricchito, a seconda dei progetti, da strumenti ad arco, a fiato, a tastiera e a percussione, usati in maniera decisa e allo stesso tempo melodica, nonché da voci calde e dinamiche come quella di Mietta.
Il 20 ottobre 2017 escono sui digital stores i primi due singoli del progetto discografico con Mietta: “Semplice”, inedito scritto con la cantante, e “Historia de un amor”, cover a ritmo di bolero, che raggiungono rispettivamente il 1° e il 3° posto nella classifica Top 100 Brani 'Jazz' di iTunes.
Abbiamo intervistato Andrea Dessì.

 
Com'è nata la tua passione per la musica?
Da piccolo ascoltavo tantissima musica, quella che ascoltavano i miei, dai Beatles a Rubinstein, da Battisti ai Rolling Stones.
Poi, alle elementari, mi hanno fatto studiare pianoforte classico.
Alle medie avevo smesso, ma un giorno per noia dissi a mia madre: “Cosa posso fare?”. E lei mi diede in mano la chitarra e disse: “Impara questi accordi”. E così fu...
Qual è l'intento artistico dei Marea?
Scrivere brani originali, sinceri, che abbiano come punto in comune la commistione dei generi. Sono un postmoderno, mi piace il futuro e guardare avanti, ma sempre senza scordare il passato e le origini.
Quale l'esperienza più bella fatta finora come band?
Mah... sono state tante... ne dico una che ricordo con piacere: io con Massimo Tagliata su Rai Uno per due volte a suonare i miei brani originali con l'orchestra che ci accompagnava. Devo dire molto emozionante e grande soddisfazione.
Attualmente siete con Mietta al 1° posto e al 3° posto nella Top 100 Brani 'Jazz' di iTunes. Come ti senti a riguardo?
Grande soddisfazione che ci premia delle fatiche e del lavoro fatto. Si tratta di “Semplice” e “Historia de un amor”, i primi due singoli di un album ambizioso e in divenire. L'altro brano che andò bene in passato per me è stato “Non vivo più senza te” di Biagio Antonacci, che ho firmato, mia la musica suo il testo... era da un po' che non facevo cose nel pop, ma è sempre una bella sfida.
Cosa si può aspettare il pubblico dei tuoi live?
Generalmente i live sono il nostro forte. Abbiamo un gruppo di musicisti fuoriclasse. Massimo Tagliata, che con me forma i Marea, è un fisarmonicista e pianista eccezionale, oltre ad essere arrangiatore e tante altre cose... anche un amico. Poi Roberto Rossi è uno dei migliori batteristi in circolazione per la musica latin. Vendiamo cara la pelle dal vivo e ci divertiamo tanto. I concerti sempre diversi e inaspettati, anche per noi, altrimenti ci annoiamo. I prossimi tre appuntamenti in calendario: "Marea per Anffas Onlus" il 9 novembre al Teatro Filarmonico di Verona e “Mietta & Marea”  il 16 novembre al Bravo Caffè di Bologna.
Quali dischi non dovrebbero mancare nella collezione dei tuoi/vostri ascoltatori?
Questa domanda molto bella richiede troppo tempo.
A mio modesto parere ci vuole un po' di tutto e, per essere più sintetico, nomino gli autori: Mozart, Beethoven, Bach, 
Coltrane, Davis, B.B. King, Ray Charles, Beatles, Rolling Stones, ecc.
E quale disco avresti voluto scrivere?
Io? “The Epic” di Kamasi Washington. Superlativo, lo ascolto sempre... l'ho visto dal vivo... è davvero il nuovo Coltrane, sensazionale!!
Parlaci dei tuoi prossimi progetti.
Uscirà a breve il mio cd da solista, con una versione strumentale di “Non vivo più senza te” e altri brani in stile mediterraneo.
Un cd dei Marea per celebrare i 10 anni di Marea col grande Javier Girotto, col quale abbiamo iniziato 10 anni fa. È stato il nostro mentore, il cd si chiamerà “Mediterranean Simposyum”.
Poi in arrivo una sorpresa, un disco di 'Blues Mediterraneo' con i Marea e, come new entry, una giovane ma promettente cantante, Elena Giardina. Davvero non vedo l'ora di iniziare!! 

 

intervista, marea, mietta

Articoli correlati

Interviste

Intervista ad Alessandro Niccoli, autore dell’intensa opera “Nafis e i corridoi colorati”.

23/12/2021 | Bookpress

Alessandro niccoli (s. Miniato, 1968) è un avvocato e scrittore. Ha condotto molte lotte per preservare l'ambiente da progetti di cemento, dalla diffusione di diserbanti...

Interviste

Henna presenta “La Cosa più Bella che C’è”

17/12/2021 | spadaronews

Vi presentiamo la cantautrice valtellinese henna che ha da poco pubblicato “la cosa piÙ bella che c'È” (distribuzione the orchard), il suo nuovo singolo. Il brano ...

Interviste

Silvio Coppola “Daniel Dante e la Compagnia del Lumen Magico”, l’intervista

16/12/2021 | Bookpress

Silvio coppola è nato a salerno. Musicista, scrittore, giornalista e conduttore radiofonico, è stato redattore per riviste specializzate di computer music, ha suonato n...

424030 utenti registrati

16969680 messaggi scambiati

11318 utenti online

18030 visitatori online