ROY PACI ESCLUDE I NOBRAINO DAL CAST DEL PRIMO MAGGIO DI TARANTO PER UN POST SUI MIGRANTI MORTI: IL PARERE DI GIANPAOLO CHIRIACò

ROY PACI ESCLUDE I NOBRAINO DAL CAST DEL PRIMO MAGGIO DI TARANTO PER UN POST SUI MIGRANTI MORTI: IL PARERE DI GIANPAOLO CHIRIACò

"Avviso ai pescatori: stanno abbondantemente pasturando il Canale di Sicilia, si prevede che quelle acque saranno molto pescose questa estate": queste le parole che sono apparse sui profili social della band folk-rock dei Nobraino e del suo eccentrico leader Lorenzo Kruger nel giorno dell'ennesima strage di immigrati avvenuta nel Mediterraneo, al largo della Libia, che questa volta conta circa 900 vittime.
Parole che hanno inevitabilmente funto da rituale per un suicidio in diretta web, e nulla è valso a bloccare l'immediata gogna mediatica. Nemmeno le successive modifiche dello status Facebook e Twitter: prima con l'aggiunta della firma “n”, poi con il nome per esteso dell'autore della didascalia, Nestor Fabbri (il chitarrista della band), e infine con un cambio di frase: "La realtà è di cattivo gusto".
Tra i tanti indignati anche Roy Paci, direttore artistico del Primo Maggio di Taranto, che ha prontamente risposto all'inopportuno tweet così: "La vostra realtà non è di cattivo gusto, ma decisamente vergognosa. Dopo il vostro schifoso post di quest'oggi, prevedo che non calcherete il palco del #unomaggiotaranto. Noi abbiamo una dignità da difendere".
Che Kruger faccia del suo antipatico e costruito divismo un escamotage per far parlare di sé è noto. Ma se dobbiamo valutare il solo post, Kruger o non Kruger, le intenzioni sono state palesemente equivocate. Il senso è chiaro, così come lo è il sarcasmo sotteso, che è indirizzato al potere e non alla povere vittime.
E' dunque giusto condannare il post dei Nobraino? Ed è giusto altresì escluderli dal concerto del Primo Maggio di Taranto?


L'opinione di Gianpaolo Chiriacò, musicologo e ricercatore presso l'Università del Salento e il Center for Black Music Research - Columbia College Chicago:
Personalmente penso che il momento scelto dai Nobraino per fare dell'ironia di quel tipo fosse del tutto sbagliato. E comprendo il gesto del comitato organizzatore del primo maggio tarantino.
Ma non esiste, per me, una questione di censura (erano ovviamente liberissimi di fare quella battuta), e non mi pongo neanche la domanda se i Nobraino siano razzisti o meno, benché la risposta di Néstor Fabbri suoni un po', se ci pensi, come quelle frasi del tipo “io non sono razzista, faccio un sacco di volontariato, e il mio migliore amico è africano”. Per me la questione è che siamo tutti coinvolti, come appartenenti a una società che ha impostato la gestione dei flussi di persone in termini decisamente razzisti.
Quando centinaia di uomini muoiono in mare, e purtroppo accade sempre più spesso, i musicisti - come gli artisti, gli intellettuali, etc. - hanno un compito importante: quello di aggirare il clamore mediatico. Intendo dire che le morti di migranti in mare ci vengono presentate nei media (da quelli tradizionali, come da quelli social) più o meno in questo modo: “ennesima morte di x migranti senza nome.” Il fatto che siano (e rimangano) senza nome è inaccettabile, come ci spiega bene Dagmawi Yimer nel suo “Asmat-Nomi” (
https://vimeo.com/114849871). Conservare il ricordo di questi nomi, con le loro storie personali, è qualcosa che la musica spesso riesce a fare in maniera efficace. Forse in precedenza lo hanno fatto anche i Nobraino, con la partecipazione al progetto Boats 4 People, ma in questo caso hanno decisamente sbagliato tempo e modi.


Le scuse di Lorenzo Kruger sulla pagina ufficiale Facebook dei Nobraino:
Buongiorno a tutti, qui Lorenzo Kruger.
Torno ora da un week-end di concerti e purtroppo solo ora 
mi accorgo di cosa sta succendendo. 
Ogni Nobraino si esprime su questa pagina come crede,
mi pare di capire che ci sia stato un fraintendimento 
ma non sono qui giustificare l'autore, ci penserà lui stesso. 
Io devo invece chiedere scusa perché un post sulla pagina dei Nobraino ha ferito la sensibilità delle persone;
il momento è delicato, il silenzio è impossibile, 
ogni parola è di troppo.
Scusate davvero.
A presto 
Kruger



Le scuse di Néstor Fabbri sul sito ufficiale dei Nobraino:
Sono Néstor Fabbri chitarrista dei Nobraino ed autore della frase che equiparava i naufraghi del Mediterraneo a mangime per pesci.
Permettetemi di presentarmi.
Mi occupo attivamente di protezione internazionale dei diritti umani dal 2009, quando ho conseguito la laurea specialistica presso la Facoltà di scienze politiche di Bologna con una tesi dal titolo Politiche migratorie dell' Unione Europea.
Prima di dedicarmi a tempo pieno al chitarrismo ho lavorato presso alcune ONG in Spagna e Francia.
Nel 2010 le Edizioni Alicantine (Università di Alicante) hanno pubblicato un mio articolo scritto a quattro mani insieme a Peio M. Aierbe dal titolo : “Funcionalidad de los discursos sobre trata i tráfico de personas”, Fabbri, Aierbe, contenuto in “Migraciones, discursos e ideología en una sociedad globalizada”, reperibile on line attraverso google scholar e che risulta ancora attualissimo sul tema degli “scafisti”.
Nel 2011 coi Nobraino abbiamo preso parte, al progetto Boats 4 People: una flottiglia per fermare l'ecatombe nel Mediterraneo. Durante l'estate del 2012 la Goletta Oloferne, coordinata da B4P, ha pattugliato il Canale di Sicilia con lo scopo di aiutare le imbarcazioni di migranti in difficoltà e di denunciare le numerose omissioni di soccorso da parte delle autorità competenti.
Sempre in quell'anno è stata pubblicata una compilation contenente i brani di numerosi artisti euro-africani, curata da me e i cui proventi sono serviti a finanziare le ONG e associazioni che si occupano di protezione dei diritti dei migranti. La compilation, contenente un brano dei Nobraino dal titolo: “Il mangiabandiere”, è reperibile a questo indirizzo: 
http://www.boats4people.org/index.php/fr/accueil-boats-for-people/417-musique.
Nel 2013 i Nobraino hanno presentato al Premio Ilaria Alpi uno spettacolo dal titolo: Viaggiare e migrare, confini poco sottili. Sul sito trovate un testo dello spettacolo dal titolo: “Caduti del mare”.

In questi anni di studi, di attivismo e di impegno artistico ho passato tanto tempo a contatto con le storie e le vite dei migranti che transitano per il Mar Mediterraneo. Tanta era la rabbia nel dover assistere impotente ad ingiustizie, tragedie ed impunite violazioni dei diritti fondamentali, che ho iniziato a sviluppare una forma estrema di autodifesa, consistente nell'opporre al pericolo dell'inefficacia sociale un nucleo irriducibile di sopravvivenza basato sulla sfrontatezza. Mi sono rifugiato perciò dietro le vesti di un eccentrico barbagianni, provocatore testardo, beffeggiatore distanziato e distanziante che ogni cosa brutalizza.
Il mimetismo è diventato la mia strategia: quanto più ci si dissimula sotto i valori e gli ideali opposti, tanto più si ha la possibilità di vincere. Il criterio della forza, dice Nietzsche, è riuscire a vivere sotto il dominio dei valori contrari e volerli sempre di nuovo. Zarathustra è Zelig!
Il mio imperdonabile errore è di non essere stato retoricamente capace di indirizzare la sfrontatezza contro i reali responsabili del massacro: gli autori delle politiche migratorie europee. Finendo così per offendere associazioni, militanti e liberi cittadini pensanti che mettono la loro vita a disposizione dei più deboli.
Per questo motivo porgo a tutte le persone turbate ed addolorate dall'infelice esternazione di ieri le mie più umili scuse.

Néstor Fabbri

di Ugo Stomeo


Profili social dei Nobraino:

www.twitter.com/nobraino
www.facebook.com/KRUGERLORENZO
www.facebook.com/nobraino

Sito Ufficiale dei Nobraino:

www.nobraino.eu

Blog di Gianpaolo Chiriacò:

www.dizionidiasporiche.wordpress.com

Sito delle ricerche di Gianpaolo Chiriacò sulle African-American Vocality:

www.afrovocality.com

A
rticolo su Info e Cast #UnoMaggioTaranto 2015:
www.nightguide.it/news/39267/il-primo-maggio-di-taranto-ruba-la-scena-al-concertone-romano-mietta-conduttrice-caparezza-subsonica-e-marlene-kuntz-ospiti

#unomaggiotaranto, gianpaolo chiriacò, lorenzo kruger, nestor fabbri, nobraino, primo maggio, primo maggio taranto, primo maggio taranto 2015, roy paci, taranto, ugo stomeo

Articoli correlati

News

John mayall tornerÀ in ...

13/12/2018 | luigirizzo

comunicato stampa   barley arts presenta john mayall tornerÀ in italia con il nuovo tour per presentare l'album nobody told me in uscita a febbraio   ...

News

Pinguini tattici nucleari...

13/12/2018 | luigirizzo

Dopo il lunghissimo tour di oltre 100 date di gioventù brucata, conclusosi con un sold out ai magazzini generali, tornano i pinguini tattici nucleari, band che ha fatt...

News

Torna al lucca summer fes...

13/12/2018 | luigirizzo

  torna al lucca summer festival eros ramazzottivita ce n'È world tour  dopo oltre 60 show annunciati e le date in nord e sud america altri 14 nuovi appuntamenti in ...

2445150 foto scattate

16082570 messaggi scambiati

542 utenti online

864 visitatori online