Nightguide intervista Rodolfo Montuoro

Nightguide intervista Rodolfo Montuoro

A sette anni da “Nacht", il sontuoso progetto rock declinato nei due “movimenti” di “Orfeo” e “Lola”, Rodolfo Montuoro torna con “Voices” - in uscita venerdì 27 Aprile - per descrivere una nuova epopea. Qui non più invocazioni (come in “a_vision”), maschere mitologiche (come in “Hannibal”) o luoghi perenni dell'immaginario (“Nacht").
In “Voices” Il percorso si fa sempre più rarefatto: siamo nel regno impalpabile della phoné. In questo nuovo progetto sonoro Rodolfo Montuoro raccoglie gli sketches musicali e poetici ricavati dal cortocircuito degli incontri - sempre imprevedibili ed enigmatici - tra la voce e l'anima, tra psiche e phoné, con tutto lo scompiglio che ne consegue.
Lo abbiamo intervistato.
 
Rodolfo, che tipo di disco è “Voices”?
Voices è un album che spazia tra l'elettronica e il progressive, coltivato come un giardino giapponese, suonato da musicisti di grande esperienza e di aree disparatissime (elettronica, celtica, rock, sperimentale, classica), con dei picchi di pura emozione espressi dalle voci di Roberto Pedicini e Carmelo Bene. Voices è il mio omaggio alla voce, alla musica e al silenzio.
Come si differenzia dai tuoi dischi precedenti?
Musicalmente c'è molta elettronica rispetto agli altri miei album, grazie alla collaborazione e all'apporto alchemico di Catherine Alice Corelli, la geniale produttrice del disco. Poeticamente, per me è un punto fermo che raccoglie i temi seminati nella mia produzione precedente ma è anche un punto di fuga verso un ideale di composizione sempre più astratto ed essenziale per creare prima o poi, come un Frankenstein psicopatico, il dna di tutte le conversazioni possibili.
Come siamo entrati nel regno impalpabile della phoné?
Nella phoné si precipita, si inciampa e ci si perde senza averne idea. Più o meno come è successo a me.
Hai inserito le voci di Carmelo Bene e Roberto Pedicini, ti va di raccontarcene l'idea?
Ho pensato a loro due, anche se sono molto lontani nel tempo e nello stile, perché entrambi - secondo me - sono capaci di usare la voce come uno strumento cantante, sofisticatissimo e soprattutto tragico. E intendo il  “tragico” come la capacità di rappresentare tutte le danzanti sfumature dell'esistenza (siano esse gioiose o dolorose) con una grazia unica, musicale e apolinnea.
Quali sono i tuoi dischi del cuore?
Pensandoci in questo momento credo senza ombra di dubbio che siano stati il Manfred di Schumann, Ours di Bowie e False Idols di Tricky. Ma se me lo chiedi domani o tra una settimana, il catalogo sarà di certo diverso.
Parlaci dei tuoi prossimi progetti
Il mio primo progetto è ascoltare Voices in santa pace come se lo avesse scritto qualcun altro, dopo tanti anni impiegati a metterlo insieme. E spero che da questo ascolto, finalmente estraniato, vengano fuori nuove idee per i prossimi cinque o sei anni.

Articoli correlati

Interviste

Intervista a Chiaredizioni: “Purgatorio di Dante in Graphic Novel” di Zuccarini e Carbonetti.

10/04/2021 | Bookpress

“purgatorio di dante in graphic novel” si concentra principalmente sull'antipurgatorio: esso è costituito dalla spiaggia su cui approdano le anime espianti e dalle f...

Interviste

Intervista a Ferdinando Camon, autore dell’opera A ottant’anni se non muori t’ammazzano.

01/04/2021 | Bookpress

Ferdinando camon è nato nel 1935 in un piccolo paese della campagna veneta. Esordisce nella letteratura con “il quinto stato” (garzanti, 1970), uscito con una prefaz...

Interviste

Intervista ad Anna Rita Barretta, autrice dell’opera “L’Incanto… oltre il buio”.

25/03/2021 | Bookpress

Anna rita barretta (roma, 1977) pubblica in terza ristampa per edizioni beroe il suo romanzo “l'incanto... Oltre il buio”, che racconta una travagliata storia d'amore...

423559 utenti registrati

16850816 messaggi scambiati

6846 utenti online

10906 visitatori online